08mag

Agricoltura: per le aziende in arrivo 800 milioni di finanziamenti

Per l’agricoltura italiana sono in arrivo 800 milioni di euro in prestiti a tassi di favore.

 

La buona notizia arriva dalla Banca europea per gli investimenti. La Bei ha appena approvato infatti una linea di finanziamento per 400 milioni di euro per sostenere le aziende agricole italiane, a cui si affiancano altri 400 milioni dalle banche. Lo rende noto in un’intervista al giornale “Italia Oggi” Dario Scannapieco, vicepresidente Bei e responsabile per le operazioni in Italia, Malta e Balcani Occidentali. Il manager ha spiegato che non si tratta di erogazioni direttamente alle imprese ma di risorse messe a disposizione delle banche che provvederanno a finanziare piccole e medie aziende agricole.

 

Come funzioneranno i prestiti? Le banche selezioneranno i progetti ma dovranno erogare i finanziamenti nel giro di 18-24 mesi aggiungendo anche risorse proprie, con l’obiettivo di raddoppiare i fondi complessivi e arrivare a un ammontare totale di 800 milioni. Alla fine del periodo le banche dovranno fornire alla Bei l’elenco e l’importo dei finanziamenti, in modo da poter avere una mappatura completa dell’utilizzo dei fondi.

 

“E’ la prima volta che apriamo agli investimenti per le aziende agricole in Italia – spiega Scannapieco – Si tratta di un settore molto frammentato ma con potenzialità enormi, come ha dimostrato durante la crisi, quando ha fatto vedere non solo forte capacità di reagire ma anche di continuare a crescere sostenendo l’occupazione”.

 

Sostenere le aziende agricole potrebbe rivelarsi un’ottima mossa; se infatti l’agricoltura si dimostra come (unico) settore in attivo dell’economia italiana, ci sono però problemi strutturali come proprio l’accesso al credito: ma ultimamente una serie di provvedimenti sono arrivati per sanare la situazione.

 

Ecco allora le agevolazioni dell’Ismea per l’insediamento di giovani in agricoltura. L’Istituto pubblico mette a disposizione fino a 70mila euro per i giovani agricoltori che intendono insediarsi per la prima volta in un’azienda agricola nel territorio nazionale.

 
Il premio è rivolto ai giovani di età compresa tra i 18 e i 39 anni, che devono presentare un piano aziendale per lo sviluppo dell’attività imprenditoriale articolato su un periodo minimo di 5 anni, e darà la possibilità di accedere ad un mutuo di 15- 20 -25 – 30 anni. Tra i requisiti è necessario dimostrare la sostenibilità economica e finanziariadell’operazione e che l’insediamento non avvenga in aziende create dal frazionamento di imprese esistenti. L’insediamento dovrà inoltre avvenire successivamente alla presentazione della domanda di ammissione all’agevolazione e durare un periodo minimo di 5 anni. Il premio di insediamento è emesso nel quadro di un’operazione di leasing concesso da Ismea, per un intervento minimo di 200mila euro fino a un massimo di 2 milioni di euro, che verrà erogato in due tranches e dovrà essere rimborsato in rate semestrale posticipate.

Scritto da Redazione il 8 maggio 2015

Tags:
Leggi anche:

nessun tag assegnato