29giu

Agricoltura: più lavoro grazie al Sud

Crescono del 3,3% gli occupati in agricoltura al Sud sotto la spinta dell’aumento record del valore aggiunto agricolo (+7,3%).

 

È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sui dati Istat dai quali si evidenzia che l’agricoltura è il settore più dinamico che traina la ripresa del mezzogiorno e nel resto d’Italia. L’occupazione nei campi cresce infatti a livello nazionale del 2,2% perché – sottolinea la Coldiretti – l’agricoltura italiana ha prodotto nel 2015 il valore aggiunto più elevato d’Europa grazie ad un incremento del 3,8%.

 

La rinnovata centralità acquisita dal settore è confermata dal fatto che il valore aggiunto– precisa la Coldiretti – cresce in agricoltura quasi il triplo dell’industria (1,3%) e quasi 4 volte quello del commercio (+0,8%) contribuendo alla crescita prodotto interno lordo dello 0,8% nel 2015. Il modello produttivo dell’agricoltura italiana – spiega la Coldiretti – è campione anche nella produzione di valore aggiunto per ettaro che è più del doppio della media UE-27, il triplo del Regno Unito, il doppio di Spagna e Germania, e il 70% in più dei cugini francesi.

 

Un primato messo a rischio nel 2016 dal calo dei prezzi riconosciuti agli agricoltori che per molte produzioni non riesce neanche a coprire i costi a causa delle distorsioni nella filiera che sottopagano il lavoro agricolo. La campagna italiana insomma è diventata la più green d’Europa con il maggior numero di certificazioni alimentari a livello comunitario per prodotti a denominazione di origine Dop/Igp, la leadership nel numero di imprese che coltivano biologico ma anche la minor incidenza di prodotti agroalimentari con residui chimici fuori norma e la decisione di non coltivare organismi geneticamente modificati.

Leggi anche: