23apr

Bando start-up, 30 milioni per i giovani campani

È stato pubblicato il Bando Start-up della Regione Campana dedicato alle micro, piccole e medie imprese composte da giovani e donne.

Un bando che mette sul piatto 30 milioni di euro, seguendo le direttive del Fondo Rotativo per lo sviluppo delle P.M.I. Campane. Per partecipare, bisogna registrarsi sul sito entro il 29 aprile 2014 e poi inviare la domanda a partire. Le domande potranno essere inoltrate a partire dal 14 maggio 2014.
 
Ma analizziamo chi può e chi non può partecipare al bando, e cosa si può fare.
 
I destinatari del finanziamento sono le imprese con sede legale e operativa in Campania, siano queste ditte individuali, società di persone, di capitali o cooperative. Potranno richiedere il finanziamento le imprese nate dopo il 10 ottobre 2013 ma anche quelle che si costituiranno entro 30 giorni dalla concessione del finanziamento. Ultimo ma non meno importante: le imprese devono essere composte a maggioranza da giovani unger 35 e/o donne maggiorenni.
 
Ci sono dei settori che sono esclusi dal bando: pesca e acquacoltura, produzione primaria di prodotti agricoli, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, esportazione verso paesi terzi o Stati membri UE, costruzione navale, siderurgia e fibre sintetiche.

Il Bando Start-up campano è estremamente specifico riguardo a quello su cui si può investire.

Questi gli ambiti ammessi:
– beni materiali nuovi: impianti, macchinari, attrezzature, arredi, opere murarie
– beni immateriali: software gestionali e per il commercio elettronico, siti web, brevetti, banche dati;
– circolante (solo entro il 20% dell’investimento complessivo): materie prime, semilavorati, prodotti finiti, servizi di consulenza.

 
L’impresa avrà un finanziamenti a tasso agevolato di importo compreso tra i 25.000 e 250.000 euro, per una durata complessiva di sette anni.
 
Come ha dichiarato l’assessore alle attività produttive della Regione Campania Fulvio Martusciello, “I più recenti dati diffusi dall’osservatorio sulle start up di Infocamere sottolineano la tendenza sempre più positiva in termini di creazione di nuove imprese della nostra regione. Dobbiamo continuare su questa strada, facilitando il percorso degli imprenditori campani e supportandoli con interventi ad hoc.”
Giovani startupper, ora tocca a voi.

Leggi anche: