28mag

Borse di studio per l’educazione digitale: parte dal web la riscossa delle piccole imprese

Favorire la digitalizzazione delle piccole imprese italiane, attraverso l’apporto delle professionalità di giovani studenti. Nasce con questo scopo il progetto “Distretti sul Web”, un’iniziativa promossa da Google e Unioncamere con il patrocinio del Ministero dello Sviluppo economico. Il progetto ha preso ufficialmente il suo avvio con l’assegnazione delle prime 20 borse di studio. In questo modo venti giovani studenti hanno ottenuto un contributo di seimila euro, da utilizzare per formarsi e inserirsi nelle piccole imprese nazionali situate in altrettanti distretti produttivi al fine di portare avanti il percorso di educazione digitale delle Pmi italiane.

Una scelta che viaggia di pari passo con la necessità sempre crescente di innovare, attraverso proprio la digitalizzazione, i processi produttivi delle nostre aziende, qualsiasi sia il settore merceologico di attività.

Solo in questo modo infatti si riuscirà ad essere davvero competiti sui mercati internazionali ormai sempre più globalizzati e per questo sempre più agguerriti. In questo senso l’iniziativa messa in campo da Google e Unioncamere  punta proprio a diffondere competenze digitali all’interno delle piccole imprese per aiutarle a essere competitive sviluppando una propria presenza in Internet, superando in questo modo i confini nazionali e diventando operatori attivi sul mercato globale. Parallelamente ovviamente “Distretti sul Web” rappresenta una concreta opportunità per i giovani dotati di notevoli competenze tecnologiche, che purtroppo troppo spesso nel nostro Paese,complice anche l’attuale grave crisi economica, restano privi di effettivi sbocchi a livello professionale.

Insomma, un’iniziativa che mettendo insieme esigenze diverse, quelle delle piccole imprese e quelle dei giovani studenti alla ricerca di un lavoro, indica una strada pratica per poter finalmente rilanciare l’economia nel nostro Paese. E non si può che sperare che abbiano successo.

Leggi anche: