17apr

Confagricoltura: da H-Farm il punto sulle start-up dell’agroalimentare

Confagricoltura punta sulle start-up. Ieri l’associazione ha presentato l’evento Agri-Food Innovation Landscape presso H-Farm, l’incubatore veneto di Roncade (Treviso). L’evento si è aperto con la presentazione del progetto Food&Agricolture Innovation, orientato all’innovazione, sia in ambito alimentare, sia agricolo. Dopo la presentazione del progetto, un interessante Tour di H-Farm, uno spazio di co-working, una “fattoria” che ha un’organizzazione mirata ad ospitare al meglio i giovani talenti che sviluppano in loco le tecnologie di domani. H-Farm poi ha presentato una delle sue start-up, Good Appetito, una piattaforma web che si approccia al mondo del food in modo moderno, attuale, digital. Sono seguiti poi gli interventi di Gianluca Carenzo, direttore generale del Parco Tecnologico Padano, che ha raccontato del Parco e ha introdottole start-up nate dalla sua realtà.

 

Dal mondo Confagricoltura hanno raccontato la loro esperienza Marco Caprai, presidente di Confagricoltura Umbria e amministratore delegato dell’azienda vinicola di Montefalco e l’Anga, l’associazione dei giovani di Confagricoltura, con un caso di startup: Giovanni Chió, dell’azienda Battioli. Mario Guidi, presidente di Confagricoltura, ha concluso i lavori. Un momento interessante di incontro, quello di ieri, tra l’associazione e il mondo start-up: i temi del food sono tra i più attuali e quelli su cui l’innovazione puà avere maggiori spazi di incremento soprattutto per i più giovani: pensiamo alle tecnologie innovative per la produzione e la distribuzione del cibo; a nuovi modelli di progettazione e consumo dei prodotti dell’agricoltura.

 

Agricoltura e alimentazione stanno infatti attraendo sempre piu’ nuovi giovani e sempre piu’ nuove idee e l’ agricoltura ha sempre piu’ bisogno di innovazione tecnologica e digitale, per rispondere alla sfida, che e’ il tema di Expo “Nutrire il pianeta, energia per la vita”. Per questo Confagricoltura, proprio nell’ambito delle iniziative di avvicinamento ad Expo, ha realizzato  con H -Farm, il primo venture incubator italiano privato, nato con l’obiettivo di trasformare idee innovative in investimenti di successo, Food&Agricolture Tech, un report su sette start-up di successo del mondo del food e undici nel settore agricolo, che dimostrano come in questi settori l’innovazione sia nata dallo sviluppo di idee giovani, utili, talvolta rivoluzionarie. Un settore fondamentale di applicazione del mondo start-up: basti pensare che secondo il Wall Street Journal, gli investimenti nelle start-up agricole sono cresciuti del 54%  l’anno scorso arrivando a 486 milioni di dollari solo in America. In Europa e in Italia siamo ancora lontani da queste cifre, col paradosso che da noi l’agricoltura e il cibo rappresentano una delle filiari principali di crescita.

Leggi anche: