30lug

Gli italiani sono i più fiduciosi dell’Eurozona

Sembra che nonostante le incertezze politiche e lo stallo di molti settori, gli italiani siano il popolo che ha maggiore fiducia rispetto alla ripresa economica della propria nazione e dell’Europa.

 

È notizia di poche ore fa, dopo la pubblicazione dei risultati dell’ESI, Economic sentiment indicator. l’ESI è un index che considera cinque diversi ambiti su cui avere “fiducia” – industria, servizi, consumi, costruzioni e commercio – che vengono misurati per valutare in numero quanta fiducia c’è da parte delle nazioni rispetto a questi ambiti.
L’interesse verso questo dato non è tanto nel numero in sé, quanto nella variazione mese per mese. Ed è in questo valore che l’Italia si è contraddistinta.

 

Nel mese di luglio, la fiducia degli italiani è aumentata di 2,9 punti, rispetto a una media dell’Eurozona (stesso dato di Francia e Spagna) di 1,2 punti, e ai 0,7 punti della Germania.

 

Questo miglioramento è dovuto principalmente all’incremento delle esportazioni nel manifatturiero italiano, rispetto alla flessione di principali concorrenti europei, e giocano un ruolo importante le possibilità che si apriranno con gli Stati Uniti dopo i negoziati per la liberalizzazione degli scambi e degli investimenti nell’ambito del Transatlantic Trade and Investment Partnership.

 

Ovviamente, non è ancora tempo di brindare alla fine della crisi, ma se è vero come dicono certi analisti che l’ESI è uno strumento premonitore rispetto a quello che succederà con il PIL dei singoli paesi, allora forse una luce in fondo al tunnel si inizia a vedere.

Leggi anche: