29set

Immobiliare: 300mila euro per la start-up di WikiRe

La start-up innovativa WikiRe, che ha lanciato WikiCasa.it – portale di annunci inseriti solo dai professionisti dell’immobiliare – ha chiuso un aumento di capitale di 300.000 Euro.

 

L’aumento di capitale ha coinvolto LigurCapital, società della Regione Liguria per la capitalizzazione della piccola e media impresa e importanti business angel italiani e internazionali: Alessandro Gatti, ceo di F.G. Invest, Fabio Massaro e Massimo Nicastro, proprietario e broker dell’agenzia immobiliare di Miami South Beach Estates.

 

WikiRe è partecipata da importanti aziende del real estate italiano come Gabetti Property Solutions, azienda leader nel mercato immobiliare,RE/MAX Italia, network immobiliare internazionale presente in Italia dal 1996, da Digital Magicsbusiness incubator quotato, e da Antlia, software house specializzata nel settore dell’information technology per il real estate e per il settore finanziario-assicurativo.

 

Grazie a questa operazione, WikiRe consoliderà il posizionamento sul mercato di www.wikicasa.it che, con oltre 800.000 visite mensili, è già il primo portale verticale riservato ad annunci immobiliari di soli professionisti abilitati a svolgere la professione di mediazione immobiliare.

 

WikiCasa ha ormai raccolto l’adesione di più di 5.000 agenzie immobiliariitaliane con l’obiettivo di fornire, a chi cerca un immobile online, la massima scelta e allo stesso tempo un canale sicuro e aggiornato per trovare la soluzione ideale alle proprie esigenze.

 

“Si tratta del primo step di crescita che ci consente di potenziare lo sviluppo tecnologico in un mercato in continua evoluzione” dice Pietro Pellizzari, co-founder di WikiRe e WikiCasa.it. “Nel settore immobiliare si è ormai affermato il web come canale principale di raccolta di informazioni e generazione contatti per le transazioni: in Italia più del 75% degli utenti, che cercano un immobile, utilizza il canale online, dove si possono trovare più di 2 milioni di annunci a portata di click”

 

 

Leggi anche: