02mag

Imprese, 1.000 al giorno nonostante la crisi

L’Italia continua a essere in crisi ma la voglia di fare impresa sembra rinata.

E’ il dato che emerge dall’ultimo studio del Censis, che mostra come comunque gli italiani continuino a volersi mettere in proprio.
Nel 2018 secondo il Censis hanno aperto infatti 1.053 nuove imprese al giorno, contro le 1.018 che hanno chiuso. Anche il dato sulle start-up innovative è buono: ne sono state aperte ben 4 al giorno, pari a un totale di circa 2.000.

Tra le imprese, poi, un’altra novità è che sempre più spesso sono guidate da donne.

Quasi un quarto delle imprese italiane ha alla guida una donna – sottolinea il Censis – con un aumento di oltre 10 mila unità in due anni. E crescono, più in generale, le responsabilità femminili nella gerarchia dei posti di comando. Oggi in Italia 6,2 milioni di occupati riferiscono a un capo donna (e, di questi, 3,2 milioni sono uomini). Il 67% dei lavoratori maschi con un capo donna ritiene che non ci siano differenze attribuibili al genere, e il 15% di loro pensa che la donna capo sia meglio.

 

Tra le varie zone del Paese, invece, le province con maggiore vigore economico, cioè con una più forte capacità di creare nuove imprese e nuova occupazione negli ultimi cinque anni, sono Prato (che, dopo una crisi epocale, sembra oggi aver ritrovato nuove energie), Monza e Brianza.

 

Milano e il suo hinterland continuano a rappresentare l’area più dinamica del Paese: il 69% degli Italiani la pensa così, a fronte di un 22% che indica Torino e solo un 14% che vede Roma come la capitale anche economicamente trainante.

 

 

Leggi anche: