20lug

Imprese: nel Lazio 20.000 euro ai piccoli editori che vogliono crescere

Anche quest’anno la regione Lazio sostiene le attività e le iniziative di promozione e valorizzazione del libro e della lettura. Lo annuncia il presidente della regione, Nicola Zingaretti, sul suo blog, secondo cui “anche quest’anno  la regione Lazio sostiene le attività e le iniziative di promozione e valorizzazione del libro e della lettura non a parole ma in modo concreto e lo facciamo con un bando attraverso il quale mettiamo a disposizione risorse per 600mila euro. In questi tre anni abbiamo rilanciato il settore dell’editoria rifinanziando la legge regionale sul libro, la lettura e le pmi editoriali.

 

Il bando è rivolto alle piccole e medie imprese della filiera produttiva del libro, anche riunite in consorzi, ai Comuni del Lazio, alle associazioni e fondazioni culturali che svolgono regolarmente attività di promozione del libro e della lettura, alle istituzioni scolastiche, pubbliche o parificate. È un’opportunità molto importante, con la scorsa edizione abbiamo sostenuto 31 progetti di promozione del libro e della lettura.

 

I contributi verranno concessi per un importo massimo di € 20.000Vai qui per tutte le info sul bando, c’è tempo fino al 29 agosto per partecipare. Al lavoro anche per sostenere la partecipazione delle nostre case editrici alle fiere del settore. Secondo il blog del governatore del Lazio, “ogni anno partecipiamo a Più libri più liberi, fiera della piccola e media editoria, con un programma di iniziative ed eventi. Alla Frankfurt book fair in ottobre la Regione promuoverà la presenza di case editrici laziali. Al Festival internazionale del fumetto di Angoulême abbiamo partecipato con un stand collettivo, promuovendo il settore laziale della graphic novel e dell’illustrazione. Al Romics di Roma abbiamo presentato il volume “Le eccellenze creative del fumetto e dell’illustrazione di Roma e Lazio”: una raccolta in italiano e inglese che racconta i fumettisti e gli illustratori che in questi ultimi anni hanno contribuito alla rinascita del settore.

Leggi anche: