28set

La settimana dal 23/09 al 28/09

Ecco le notizie riguardanti economia e impresa in Italia e Europa più interessanti della settimana appena trascorsa.

 

Oggi per fare l’imprenditore basta poco
Da eoffice a fiverr.com, oggi esistono tantissimi servizi che consentono a chiunque di mettere in piedi una società e di farla operare senza assumere dipendenti e senza bisogno di investire in uffici e magazzino. Volete qualche esempio? Eccovene un po’.

 

Da Linkiesta – Leggi l’articolo

 

Prestiti tra privati: ecco vantaggi e svantaggi del social lending
Prestiti tra privati, ecco il social lending: questa nuova frontiera del credito online mette in contatto richiedenti e finanziatori senza nessuna intermediazione bancaria, azzerando costi d’istruttoria e commissioni di vario tipo.

 

Da AgoraVox – Leggi l’articolo

 

Lo “startup attitude” che manca all’Italia: impariamo da Berlino
Interaction designer e startupper, Arianna Bassoli analizza il concetto di “start-up of you” a Berlino, dove immigrati in cerca di una carriera, piccole società e grandi progetti di impresa hanno contribuito alla nascita di un vero e proprio stile di vita e di lavoro, lo “startup attitude”.

 

Da Che Futuro – Leggi l’articolo

 

Pac: ecco cosa cambia per l’agricoltura in Italia
Pac, la riforma della Politica Agricola Comune 2014-2020 ha avuto il via libera mercoledì scorso, ecco allora cosa cambia per l’agricoltura italiana. Secondo il Parlamento Europeo, la riforma ha le carte in regola per affrontare le sfide del presente e del futuro. Coinvolgerà non soltanto gli agricoltori, ma anche i cittadini.

 

Da GreenBiz.it – Leggi l’articolo

 

Guerra, “Aziende italiane giovani. Adesso crescere è obbligatorio”

Viviamo “un momento straordinariamente particolare, e credo unico come generazione di imprenditori. Un momento che ha grandissime opportunità e un rovescio della medaglia: per poter giocare la partita occorre avere una certa dimensione.” Parola dell’amministratore delegato di Luxottica Andrea Guerra.

 

Da Corriere.it – Leggi l’articolo

Leggi anche: