16dic

L’arancia – payleven Italia

Payleven è una delle start-up incubate da Rocket Internet, un degli incubatori più grandi del mondo, è nata nel 2012 ed è la prima realtà europea ad aver sviluppato una soluzione di mobile pos tramite il dispositivo Chip&PIN. Cosa significa? Facile, permettere a chiunque di essere pagato tramite smartphone o tablet. Payleven fornisce apparecchi per il pagamento con carta di credito (striscia e firma), stile Square: nessun costo fisso, una commissione pari al 2,95% del transato, e più 9 centesimi a transazione.

 

Payleven è nata in Italia, e oggi è presente in molte parti d’Europa. Una sede a Londra e una a Berlino, una rete di distribuzione che copre Gran Bretagna, Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia, Brasile, Belgio e Austria, e una serie di accordi commerciali con aziende, piccole e grandi, come Apple, e grandi enti come Poste Italiane.

 

Fondatore e attuale CEO di payleven Italia è Alberto Adorini, 32 anni, ex McKinsey, a capo di un team di lavoro con esperienza in società di pagamenti, servizi finanziari e società del settore informatico e tecnologico.

 

Alberto ci parla del progetto payleven, del mercato italiano e del futuro dei pagamenti mobile, un settore, in Italia, che nonostante le grandi potenzialità deve ancora fare i conti con gli ostacoli di un Paese che non è abituato all’uso dei pagamenti via carta, ma che sta imparando. Lo abbiamo incontrato a Milano, nella sede italiana di payleven.

 

Leggi anche: