18dic

Lazio, arriva la carica delle start-up anticrisi

Il Lazio punta sulle start-up. 31 milioni di euro in bandi a favore dei giovani talenti che vogliono fare impresa, nuovi luoghi dedicati agli startuppers diffusi sul territorio romano e regionale, una trasformazione del sistema di fare credito.

 

In poche parole, un cambio di mentalità per far nascere in 5 anni 500 nuove imprese a Roma e dintorni.

 

E’ l’obiettivo che si è dato il governatore della regione Nicola Zingaretti. “I numeri e le potenzialità le abbiamo tutte – ha detto nei giorni scorsi Zingaretti; il Lazio infatti è la regione italiana a più alta concentrazione di sapere, sede dei più importanti centri di ricerca del paese; ci sono 218 laboratori di ricerca, 48 enti, 3 distretti tecnologici e un alto capitale umano qualificato con le sei università che abitano sul territorio.

 

Anche i dati della Camera di Commercio di Roma confermano il trend positivo: qui nell’ultimo anno sono nate 114 startup, ci sono 8 incubatori, e 27 luoghi di coworking.

 

A gennaio saranno annunciati nuovi spazi per i giovani creativi messi a disposizione dalla regione, e partirà il progetto per dotare Roma di una delle più grandi aree europee dedicate alle pmi che si occupano di innovazione.

 

Ma sono soprattutto i nuovi bandi in arrivo rappresentano l’aspetto più interessante dell’impegno del Lazio verso il mondo start-up: nei primi mesi del 2014 sono previsti infatti 5 bandi di concorso, con 10 milioni di euro destinati all’innovazione per pmi già esistenti, e altri 10 milioni per la nascita di start-up innovative. Altri 4 milioni sono previsti per progetti di giovani under 35 in information e communication technology, 4 milioni per piattaforme online nel settore della grafica e fiction reality, altri 3 milioni per spinoff di start-up scientifiche. Insomma il Lazio si conferma territorio da tenere d’occhio per quanto riguarda le start-up. “Non possiamo farci sfuggire l’occasione di potenziare questo habitat naturale e questa nuova economia che crea lavori veri e per il Lazio può essere uno strumento importante per uscire dalla crisi” ha detto infatti il presidente della Regione.

 

Leggi anche: