09dic

Le start-up a Roma e gli investitori dell’innovazione

Ci siamo, il momento è arrivato, o meglio, ci siamo quasi: appuntamento a domani, con tutti, Usa, Russia, Germania, Inghilterra, Cina e Israele. Saranno più di 40 gli investitori stranieri a Roma al Macro di Via Nizza, loro e altri 150 ospiti, tutto per il primo Forum Internazionale dei Venture Capitalist romano.

 

Una vetrina internazionale, un momento di incontro per le migliori 35 start-up romane e per tutto il sistema dell’innovazione italiano.

 

L’attenzione c’è, il tema anche: nuove imprese che operano su digitale e rinnovabili, moda, hardware, design e food. In piazza il sistema romano degli incubatori e acceleratori, un sistema che ”si è molto sviluppato negli ultimi 4 anni”, e che, a dire di Gianmarco Carnovale, presidente di Roma startup, è in grado di generare “diverse decine di start-up ad alto potenziale ogni anno, gestendo direttamente gli investimenti della primissima fase (idea validation, 25-50 mila euro di investimento detto ‘micro-seed round’) e mettendole in contatto con gli investitori della seconda fase (business model validation, 100-500 mila euro di investimento detto ‘seed’ o ‘angel round’), soggetti cioè come business angel e piccoli fondi.”

 

Al forum saranno presenti tutti i soggetti dell’ecosistema romano. Gli incubatori, gli acceleratori, i professionisti e tutti gli altri, dal comune di Roma alla Regione Lazio e Giampaolo Manzella, che presenteranno insieme alla commissione europea il nuovo programma Twist per lo scambio di esperienza tra gli ecosistemi start-up.

 

Poi certo, nonostante le disponibilità di capitali privati, “mancano incredibilmente gli operatori del Venture Capital, quelli in grado di effettuare investimenti superiori al milione di euro perché queste start-up vadano velocemente verso un processo di crescita internazionale ad armi pari con le concorrenti di altri paesi.” La ciccia c’è, quello che manca insomma è (almeno in parte) il mercato in cui questa sostanza può prendere forma.

 

“E se i capitali italiani si stanno facendo sfuggire questa opportunità, noi siamo costretti a chiedere aiuto ai capitali stranieri.”

 

Capito no?

Scritto da Redazione il 9 dicembre 2014

Tags:
Leggi anche:

nessun tag assegnato