25set

Pmi: boom di domande per i voucher-internazionalizzazione

Grande successo per i voucher per l’internazionalizzazione delle pmi del Mise. A due ore dall’inizio del click-day per l’assegnazione alle imprese dei voucher per i temporary export manager, sono pervenute sul sito del Ministero dello Sviluppo economico nel primo giorno 3.690 domande, fanno sapere da via Veneto.

 

Le registrazioni sulla piattaforma on-line, necessarie per poter presentare la richiesta, sono state più di 5.800. “A fronte di questo successo – ha dichiarato il vice Ministro Carlo Calenda – abbiamo deciso di aumentare immediatamente la dotazione finanziaria da 10 a 15 milioni di euro, consentendo così a 1500 aziende (500 in più del previsto) di accedere al nuovo strumento per l’internazionalizzazione.

 

Il programma – ha concluso il Vice Ministro – verrà ulteriormente potenziato nel 2016 con risorse aggiuntive”. Ricordiamo che i voucher prevedono che per sostenere le strategie di internazionalizzazione delle medie e piccole imprese possano inserire in azienda di un temporary export manager per almeno sei mesi.

Il finanziamento per questi manager viene erogato come voucher del valore di 10.000 euro ad azienda a fronte di una spesa minima di 13.000 euro. Per beneficiare del contributo, le aziende dovranno rivolgersi ad una delle società fornitrici del servizio selezionate dal ministero (l’elenco sarà disponibile a breve sul sito del Ministero). E’ previsto un solo voucher ad azienda.

 

Per partecipare, a partire dal 1 settembre le imprese si possono registrare sul portale del ministero; poi dal 15 settembre si potranno caricare le domande; infine, c’è tempo fino al 2 ottobre per inviare le domande. E’ importante ricordare che questi voucher sono richiedibili anche dalle start-up.

Leggi anche: