07ott

Pmi: tornano gli investimenti, o almeno così si spera.

Le piccole e medie imprese hanno ricominciato a investire in innovazione. O almeno così si spera. Il dato, che segnerebbe un punto di svolta, arriva oggi da un’indagine del Ministero dello Sviluppo economico. Con un sondaggio svolto su 1.000 piccole e medie imprese, risulta che più dell’80% la quota di imprese che ha indicato di avere realizzato investimenti nel 2014 e di avere intenzione di realizzarli entro la fine dell’anno in corso.

 

Altro dato che farebbe ben sperare è proprio quello sull’innovazione: il 96,7% e il 95,4% del campione indicano, rispettivamente per il 2014 e per il 2015, di avere sostenuto o di volere sostenere investimenti innovativi (di prodotto, di processo e di carattere organizzativo).

 

Più in particolare: un’elevata quota di Pmi “eccellenti” (56,3%) segnala di avere svolto attività all’estero nel triennio 2012-2014 mentre è pari al 34,8% la quota di fatturato esportato con una punta del 43,5% nella manifattura. Infine, il 38,3% delle imprese ha dichiarato di avere indirizzato le esportazioni verso nuovi mercati, dei quali l’82% verso i Paesi dell’Area extra UE.

 

L’indagine è stata svolta nel mese di maggio di quest’anno, selezionando da un universo di circa 61mila imprese (tra i 10 e i 250 addetti) aventi un fatturato tra 2,5 e 50 milioni di euro – 1000 imprese che superavano almeno due tra i seguenti tre requisiti: avere realizzato nel triennio 2012-2014 spese in R&S, avere un discreto livello di managerialità (presenza di ameno tre manager/quadri), avere realizzato nel 2014 o programmato per il 2015 investimenti innovativi. Certo l’indagine farebbe ben sperare, se non fosse che queste imprese che investono sono state selezionate tra imprese… che già investivano. Speriamo che non sia una profezia che si autoavvera ma un dato che mostra veramente un segnale positivo.

 

Leggi anche: