06apr

Sei una start-up e non lo sai? Chiedi al Mise

Sei una start-up innovativa e non lo sapevi? Con #StartupSurvey il Ministero per lo Sviluppo Economico, in collaborazione con l’Istat, ha indetto la prima indagine nazionale sulle start- up innovative, distribuendo un questionario da compilare entro il 15 maggio 2016.

 

Attraverso StartupSurvey l‘Istat ha mandato un censimento a tutte le aziende registrate nello speciale registro delle imprese. In questo modo si acquisiranno informazioni direttamente dalle start-up, le quali offriranno il loro punto di vista sul loro grado di soddisfazione di attuazione della normativa, esponendo le proprie esigenze e presentando proposte di miglioramento pubblico.

 

In questo modo si avrà una fotografia completa delle 28 mila società iscritte al registro imprese che, pur soddisfacendo i requisiti per accedere al regime speciale, non risultano iscritte come start-up o pmi innovative, probabilmente perché non sono a conoscenza di queste opportunità.

 

Il Mise adesso scrive ad ognuna di loro per informarle delle possibilità. Per esempio, il  credito d’imposta per ricerca e sviluppo per quelle società (start-up e pmi innovative) che, facendosi coinvolgere nei programmi di “open innovation”, possono svolgere attività di ricerca e sviluppo per conto di imprese più mature e radicate trovando alle stesso tempo un mercato di sbocco per le proprie tecnologie. Le spese oggetto del beneficio comprendono i costi, per personale altamente specializzato, quote di ammortamento di strumenti e attrezzature di laboratorio, contratti con università per misura massima del credito d’imposta di 5 milioni di euro per ciascun beneficiario.

Scritto da Redazione il 6 aprile 2016

Tags: ,
Leggi anche: