Fai la tua domanda

trova-notaio-small

In questa sezione, potete porre le vostre domande a notai e consulenti del lavoro, che risponderanno il prima possibile secondo loro competenza.
Accetteremo quesiti per una lunghezza massima di 300 battute.
Avrete sempre a disposizione un archivio, suddiviso per argomenti, consultabile in qualsiasi momento.

Visualizza risposta

Salve,sono un tecnico informatico con specializzazione in ICT. Volevo domandarvi quale percorso intraprendere per aprire una società di servizi legati all’informatica (dalla consulenza all’assistenza).Tenete presente che vorrei partire da solo (per ovvi motivi economici), ma vorrei ridurre al massimo i rischi esistenti,dato i tempi non felici. Grazie per la vostra risposta. Saluti.

Leggi la risposta
Nel Suo caso lo strumento migliore è senza dubbio la SRL unipersonale con capitale inferiore ai 10.000 €: gode della responsabilità limitata, può essere l’unico socio, versa a titolo di capitale sociale il minimo necessario, struttura la società come meglio ritiene opportuno, soprattutto in vista di un auspicato incremento dell’attività o ingresso di altri soggetti.

Ero interessato ad un preventivo di atto notarile affitto ramo di azienda, costituzione sas.

Leggi la risposta
È difficile dare un’indicazione precisa senza sapere, relativamente al ramo d’azienda, almeno l’importo dei canoni e, con riferimento alla sas, l’oggetto e la struttura societaria. L’unico, concreto, suggerimento che posso fornire è di valutare, ancora prima dei costi notarili, l’attenzione che il collega presta al Suo caso. Sta iniziando un’attività d’impresa, ciò che conta non è spendere il meno possibile ma essere seguiti il più possibile. Lei si farebbe operare da un medico che non l’ha mai visitato solo per risparmiare?

Siamo tre “soci” che avrebbero l’opportunità di porre in essere una ditta d’intermediazione per la vendita on line (soprattutto verso il mercato estero) dei prodotti tipici della nostra regione: qual è la forma societaria più conveniente da costituire? E’ prevista per questo tipo di attività la formazione di un’associazione?

Leggi la risposta
Prima di individuare la forma societaria più conveniente è opportuno ricordare che, ai fini dell’esercizio dell’attività di intermediazione, è necessario essere provvisti dei requisiti di legge, fra cui, cito senza pretesa di esaustività, maggiore età, titolo di studi, abilitazione. Tanto premesso, la forma societaria più “conveniente” (in senso lato: costi iniziale, gestione della società, facilità di accesso al credito, tutela patrimoniale dei soci) è la SRL con capitale inferiore ai 10.000 €, che consente di non immobilizzare parte delle proprie risorse economiche. Tuttavia, nel Vostro caso, suggerirei di guardare con interesse alla figura del consorzio, in particolare con attività esterna di cui agli art. 2612 e ss. del Codice Civile. Il consorzio, a mio avviso, ben sposa la Vostra iniziativa, permettendo di collegare l’attività di varie imprese al fine di dare alle stessa maggiore capacità di penetrazione nel mercato estero tramite il canale informatico.