05dic

Sicurezza sul lavoro, da gennaio anche per le piccole imprese obbligo del Dvr

Da gennaio per le piccole imprese è in arrivo un nuovo obbligo burocratico, come se non bastassero quelli già esistenti. Parliamo del cosiddetto Dvr, Documento di valutazione dei rischi. Si tratta di una relazione che individua tutte le minacce presenti nell’ambiente lavorativo e nello svolgimento delle attività che possono causare un danno alla salute, conseguente da infortuni o malattie professionali, come ad esempio derivante dall’utilizzo di macchinari o di sostanze tossiche. Il Dvr inoltre  predispone le misure adeguate a prevenire problemi di questo tipo insieme a un programma d’interventi che ha lo scopo di aumentare in generale i livelli di sicurezza sul lavoro. Obblighi questi ultimi, che soprattutto nelle micro-aziende solitamente venivano espletati grazie ad una semplice autocertificazione.

Dall’inizio del 2013 però tutto ciò non sarà più possibile, perché per legge, come accennato, anche i più piccoli imprenditori dovranno predisporre un documento ad hoc. L’unico favore che la legge concede alle imprese con meno di dieci dipendenti, è quello di utilizzare una formula standardizzata prevista esplicitamente da un articolo della nuova normativa sul Dvr

. Chi volesse dunque, potrà scegliere questa opzione ritenuta più semplice, evitando la stesura di una più dettagliata relazione come prevede invece la procedura normale. In ogni caso comunque da qui alla fine dell’anno varrà ancora l’autocertificazione, da gennaio 2013 bisognerà adeguarsi. Tenendo presente, come già accennato, che il nuovo Dvr, oltre ad avere una data certa di compilazione, dovrà contenere un’accurata valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l’attività lavorativa e indicare non solo le misure di prevenzione attuate ma anche i dispositivi di protezione che saranno utilizzati per proteggere i propri dipendenti da eventuali rischi. Dovrà inoltre essere specificato un programma delle misure ritenute opportune per garantire comunque il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza. Particolare attenzione bisognerà poi dedicare ad individuare le mansioni che eventualmente espongano i lavoratori a rischi specifici che richiederanno a questo proposito una ben precisa capacità professionale insieme ad una adeguata esperienza e formazione. Occhio dunque quando si assumeranno eventuali collaboratori, perché nel caso andassero a svolgere attività a rischio bisognerà come minimo dotarli di un efficace addestramento preliminare.

Leggi anche: