29mag

SingRing, testi musicali e videoclip online diventano legali e alla portata di tutti

Una nuova Siae digitalizzata, ossia la difesa del diritto d’autore sui testi delle canzoni, ma attuata online, sui siti Internet. È questo l’obiettivo originario con cui nasce SingRing, startup dell’incubatore Digital Magics. “Fino a qualche anno fa – racconta all’Arancia Luca Messaggi, Ceo di SingRing – su qualsiasi sito era possibile trovare le cosiddette lyrics, ossia i testi delle canzoni, peccato però che il tutto avvenisse in maniera illegale e in barba al rispetto del diritto d’autore. Noi dal 2009, anno di inizio delle nostre attività, abbiamo iniziato a prendere contatti diretti con gli editori musicali acquistando regolarmente i diritti d’autore, e in questo modo abbiamo creato un mercato legale delle lyrics online”.

L’acquisizione dei diritti di pubblicazione è stato però solo il primo tassello di una complessa attività di diffusione legale di questi testi, che ne ha comportato la messa in rete e quindi l’avvicinamento di tutti quei siti che fino a quel momento magari pubblicavano illegalmente le lyrics. “Abbiamo dunque creato una piattaforma, un vero e proprio network – dice Luca – a cui i vari siti interessati possono associarsi utilizzando legalmente i testi che noi mettiamo a disposizione”. Un’iniziativa di forte impatto e richiamo, che ha avuto successo immediato, visto anche il livello dei siti che hanno deciso di aderire al progetto. Stiamo parlando di veri e propri portali leader online, come Virgilio, Leonardo, il Gruppo Finelco, con Radio 105, Radio Montecarlo e Virgin Radio, e ancora il Gruppo Editoriale L’Espresso, solo per citarne qualcuno. Nomi altisonanti che hanno deciso, proprio grazie all’attività di SingRing, di regolarizzare la propria posizione rispetto al tema della pubblicazione online dei testi musicali.

Un sistema che ha funzionato così bene, da spingere Luca Messaggi a fare un passo avanti. “Recentemente abbiamo concluso un nuovo accordo con le grandi etichette musicali internazionali, le case discografiche Emi Music, Sony Music Entertainment, Universal Music Italia. Grazie a questa intesa associamo i video musicali ai testi delle canzoni pubblicate. In questo modo, i nostri partner che aderiscono al network di SingRing, oltre ai testi, potranno offrire legalmente ai propri utenti anche le immagini dei videoclip”. Tecnicamente è necessario chiarire come funziona il rapporto fra la piattaforma e i portali che ne utilizzano i contenuti, anche perché in questo modo si scopre anche da dove arrivano i guadagni di SingRing. “In pratica i nostri utenti, che sono poi i portali Internet, non scaricano il materiale, che resta sempre sui nostri server. Hanno però la possibilità di accedervi con link interni, proprio come succede quando si mette online un video di YouTube”.

Con una differenza fondamentale però. Gli stream video vengono monitorati da SingRing attraverso un contatore, e siccome sono sempre associate a pubblicità, come banner o pre-roll, SingRing ottiene una parte delle revenue che derivano da questa attività di marketing. “Tra l’altro – aggiunge Messaggi – sul fronte pubblicitario è possibile agire con due diverse strategie. Se il portale ha una sua concessionaria interna, si cercherà in autonomia la pubblicità e noi prenderemo una percentuale sugli introiti. In alternativa invece possiamo operare noi da concessionaria per chi non avesse un’adeguata organizzazione interna. In questo modo anche i piccoli siti, addirittura quelli personali, possono mandare in onda i nostri videoclip e pubblicare i nostri testi, e in più, nel caso curassimo noi la pubblicità, loro riceveranno anche una piccola parte degli introiti ottenuti  dalla vendita dei preroll”.

Insomma, una vera rivoluzione, che diventa ancora più interessante se si considera che l’adesione al network di SingRing è completamente gratuita. “Basta accedere al nostro sito che ovviamente si rivolge primariamente non agli utenti finali, ma ai gestori di siti, e chiedere di aderire al nostro network”. E a fare questa scelta devono essere stati già in molti, visto che SingRing può già contare su numeri di tutto rispetto: 15 milioni di visualizzazioni di lyrics al mese, 5 milioni di utenti unici sempre mensili, e dai 3 ai 5 milioni di streaming video. Cifre che in un prossimo futuro potranno ancora aumentare. Infatti in questi giorni SingRing ha concluso un accordo con Alitalia, grazie al quale sui voli della nostra compagnia di bandiera sarà possibile per i passeggeri guardare i videoclip del network di Luca Messaggi.

“Inoltre – aggiunge quest’ultimo – a partire da settembre, la nostra offerta aumenterà, perché oltre alla musica, entreranno altri contenuti, che andranno dalle news allo sport, dall’intrattenimento alle ricette culinarie, con nuovi interessanti video che i nostri partner potranno mettere a disposizione dei propri utenti finali”. Una brillante storia che coniuga dunque alla perfezione intraprendenza e innovazione tecnologica, e che, come accennato all’inizio, deve molto all’attività di Digital Magics, incubatore di startup innovative digitali. “Oggi – sottolinea Messaggi – noi siamo una società costituita in srl, che oltre a me e a un altro socio privato, vede proprio la partecipazione al capitale sociale di Digital Magics, che ha creduto e continua a credere in noi, dandoci la possibilità di innovare sempre più la nostra offerta commerciale”.

Leggi anche: