02feb

Smart&start: fino a 1,5 milioni di euro per le innovative

Dal 16 febbraio riparte  Smart&Start, il programma di Invitalia che punta a far crescere le start-up innovative sul territorio nazionale.

 

Smart&Start si rivolge a start-up innovative di piccola dimensione già iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese e a team di persone fisiche che intendono costituire una startup innovativa in Italia, anche se residenti all’estero o di nazionalità straniera.

 

Le agevolazioni prevedono finanziamenti a tasso zero per progetti che prevedono programmi di spesa compresi tra 100 mila e 1,5 milioni di euro, per beni di investimento e/o costi di gestione. In particolare il progetto prevede un mutuo senza interessi fino all’80% delle spese sostenute (dunque fino a 1,2 milioni di euro) nel caso in cui la start-up abbia una compagine costituita da giovani e/o donne o abbia tra i soci un dottore di ricerca che rientra dall’estero. Mentre negli altri casi il mutuo coprirà fino al 70% delle spese (massimo 1,05 milioni di euro).

 

Ci sono poi agevolazioni speciali nel caso l’impresa sia in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia e nel territorio del Cratere Sismico Aquilano; pari a un 20% di sconto – in queste zone infatti le start-up restituiranno solo l’80% del mutuo agevolato ricevuto.

 
Altre agevolazioni non finanziarie riguardano servizi di tutoring tecnico-gestionale. I servizi di tutoring, individuati in base alle caratteristiche delle start-up, sono finalizzati a sostenere la fase di avvio. Si tratta di servizi specialistici (pianificazione finanziaria, marketing, organizzazione, gestione dell’innovazione, altro) che possono includere anche scambi con realtà di rilievo internazionale.

Leggi anche: