24set

Social lending: si rinnova Prestiamoci, la start-up tutta italiana

Si rinnova Prestiamoci, la prima e unica startup finanziaria italiana per il prestito fra privati.

La start-up ha infatti appena annunciato di aver proceduto a un aumento di capitale da 450.000 euro che le permetterà di rilanciarsi.

 

Il modello di business non cambia: su Prestiamoci le persone che vogliono investire denaro vengono infatti messe in contatto con chi vuole ottenere un prestito per esempio per ristrutturare un appartamento, comprare un’auto, organizzare un matrimonio o pagarsi gli studi.  Una start-up innovativa dunque che coniuga il mondo della sharing economy tipico del web con le regole del sistema bancario. In parole povere, mette d’accordo chi vuole ottenere un piccolo finanziamento con chi vuole investire una somma. Si chiama social lending, e i vantaggi sono per entrambe le parti: chi chiede denaro può ottenere tassi più bassi di quelli di una finanziaria, e evitare trafile e lungaggini burocratiche; dall’altra parte, chi vuole ottenere qualche punto di rendimento in più rispetto ai titoli di stato, adesso sa dove “parcheggiare” la sua somma.

 

Ora però ci sono piccoli significativi cambiamenti: Digital Magics, incubatore certificato di startup innovative quotato sul mercato AIM Italia di Borsa Italiana, insieme ad altri investitori hanno partecipato all’aumento di capitale (Digital Magics per 107 mila euro); mentre col ricavato la società punterà soprattutto sulla crescita della società, lanciando campagne e attività di marketing e comunicazione, per consolidare il marchio e acquisire nuovi prestatori e richiedenti.

 

Ci sono novità anche dal punto di vista del management: Federico Provinciali – che dall’anno scorso ha seguito la startup come consulente per la ricostruzione del sistema di erogazione e gestione del credito – entra nel consiglio di amministrazione, acquisendo una quota della società, e diventa Chief Risk Officer di Prestiamoci. Da oltre 20 anni Federico si occupa di finanza: ha ricoperto ruoli di Direttore Finanziario e Manager per la gestione e il controllo del rischio in primarie banche italiane e internazionali come Barclays, Banca Clarima e UniCredit.

 

“Siamo molto orgogliosi che gli investitori abbiano creduto ancora nella nostra start-up, che procede nel suo percorso di crescita secondo i piani; ultimamente abbiamo anche notato un forte interesse a livello nazionale e internazionale nei confronti del social lending”, ha dichiarato Michele Novelli, Partner di Digital Magics e Managing Director di Prestiamoci, “Dopo un anno di proficua collaborazione diamo il benvenuto a Federico Provinciali, che ha deciso di entrare nel nostro board e di ricoprire un ruolo operativo in azienda: ulteriore conferma dell’importanza del progetto e della solidità e del valore del nostro team”.

 

“Il P2P lending è un’idea straordinaria che permette a tutte le parti coinvolte, prestatori e richiedenti, di avere benefici grazie alla trasparenza e alla possibilità di confrontare le opzioni: una situazione fortunata che accade poco di frequente”, dice Federico Provinciali; “Ho deciso di dedicare le mie energie a Prestiamoci perché credo che il modello del social lending abbia bisogno, per funzionare efficientemente, di una sofisticatissima capacità di valutare il profilo di rischio di ogni richiedente, assegnando il giusto prezzo del finanziamento. Abbiamo già fatto tantissimo in questa direzione e ho intenzione di contribuire ancora molto per portare Prestiamoci all’eccellenza”. Il buon successo di Prestiamoci del resto è confermato dai numeri:  sono più di 450 infatti i prestatori iscritti che hanno investito su Prestiamoci: sono stati erogati 360 prestiti per un totale di oltre 1,7 milioni di euro. Il prestito medio è di 5.000 euro.

 

 

Leggi anche: