03feb

Start-up: fatta la firma, ecco il decreto

Investimenti diretti e investimenti indiretti, gli incentivi per le imprese innovative guardano per intero al panorama start-up innovativo italiano, e lo fanno grazie alla firma di un decreto interministeriale che ridefinisce la disciplina di dettaglio sugli incentivi fiscali per gli investimenti in start-up effettuati da aziende e privati nel 2013, 2014, 2015 e 2016.

 

A firmarlo il ministro per lo Sviluppo economico, Flavio Zanonato e il ministro per l’Economia e le Finanze, Fabrizio Saccomanni.

 

Il provvedimento, che ha ottenuto il via libera dalle istituzioni europee, sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale nelle prossime settimane, intanto però, sappiamo già che si tratterà di una serie di incentivi “che trovano fondamento giuridico nell’art. 29 della L. 221/2012 di conversione del Decreto Crescita 2.0 recante la disciplina a sostegno delle start-up innovative—così il MiSE, il Ministero dello Sviluppo Economico—”, e di un nuovo modello UNICO, ma andiamo con ordine.

 

Le nuove agevolazioni fiscali saranno un bel po’. I soggetti passivi dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) potranno detrarre dall’imposta lorda un importo pari al 19% dei conferimenti in denaro, per importi non superiori a 500.000 euro. In più i soggetti passivi dell’imposta sul reddito delle società (Ires) potranno dedurre dal proprio reddito un importo pari al 20% dei conferimenti in denaro, per importi non superiore a 1.800.000 euro.

 

Non è tutto qui, perché dagli intenti traspare anche una rinnovata attenzione per le start-up a vocazione sociale e per le aziende specializzate in prodotti o servizi innovativi ad alto contenuto (e valore) tecnologico. Cosa significa? Facile, detrazione fiscale al 25%, anziché al 19%, per i soggetti passivi ai fini Irpef e deduzione fiscale al 27%, anziché al 20%, per i soggetti passivi Ires.

 

E il modello UNICO? Quello del 2014 si arricchirà di un nuovo prospetto dedicato alla fruizione delle agevolazioni previste per gli investimenti in start-up innovative, consentendo così di applicare la misura alle operazioni compiute nel 2013.

Leggi anche: