18lug

Start-up innovative, se l’Ice ti porta all’estero

 

Parte la “Carta Servizi Start-up”, dedicata a tutte le start-up innovative registrate alla sezione speciale del Registro delle Imprese.

 

Lo annunciano L’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, (l’ex Istituto per il commercio estero) in collaborazione con il ministero dello Sviluppo Economico.

 

Si tratta di una misura che dovrebbe favorire il famoso “fare sistema” per le aziende italiane che spesso fanno fatica a espandersi oltre i confini; soprattutto le piccole e piccolissime che non hanno strutture né possono permettersi costi di rappresentanza e di presenza all’estero.

 

Adesso arriva la card dell’Ice, che dà diritto ai titolari di usufruire di uno sconto del 30% sulle tariffe dei servizi della stessa agenzia, la quale si impegna, come previsto dal decreto “Crescita 2.0” convertito in legge nel dicembre 2012, a fornire assistenza in materia normativa, societaria, fiscale, immobiliare, contrattualistica e creditizia nei confronti delle start-up innovative.

 

L’Ice si impegna inoltre a segnalare le principali fiere e manifestazioni internazionali dove ospitare gratuitamente le start-up innovative, tenendo conto dell’attinenza delle loro attività all’oggetto della manifestazione; e a sviluppare iniziative per favorire l’incontro con investitori potenziali per le fasi di early stage capital e di capitale di espansione. Per richiedere la Carta, le società interessate possono rivolgersi all’Ice Ufficio Informazioni e Assistenza inviando un’e-mail a urp.export@ice.it oppure a sviluppo.servizi@ice.it specificando in oggetto “Richiesta Carta Servizi Start-up”. 

Leggi anche: