19lug

Start-up: la veronese Supermercato24 sfida il colosso Amazon

Supermercato24 punta al rilancio e sfida i colossi mondiali dell’e-commerce, in particolare Amazon.

 

La società veronese, che conta 40.000 clienti e 250.000 utenti registrati, com una media di 500 consegne al giorno negli oltre 300 comuni in cui è attivo il servizio, ha appena annunciato infatti un aumento di capitale da 3 milioni di euro e ottime stime per il futuro. Supermercato24 mette in contatto chi desidera ricevere la spesa e le persone – i personal shopper – che fanno fisicamente la spesa al loro posto. La piattaforma è già operativa in 16 province italiane in Lombardia, Veneto, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna e Lazio. Ora la società chiude un aumento di capitale con 3 milioni di euro, sottoscritti principalmente da Innogest e 360 Capital Partners. A convincere due dei principali investitori italiani della bontà del progetto è stata la costante crescita mensile del 15% e le prime collaborazioni commerciali con la grande distribuzione e con l’industria di marca.

 

Supermercato24 prevede di chiudere il bilancio 2016 con un fatturato di 5 milioni di euro (contro i 750mila euro del 2015). Ad accompagnare verso il futuro Supermercato24 sarà il nuovo amministratore delegato Federico Sargenti, manager che ha lanciato l’e-commerce in Italia e Spagna per Amazon, che insieme al fondatore e presidente Enrico Pandian si impegna a migliorare l’efficienza del servizio attraverso il consolidamento della rete logistica, l’estensione dell’assortimento e dell’offerta con prezzi allineati a quelli dei punti vendita.

 

“Ho accettato questa sfida perché Supermercato24 rappresenta il modello di business più adatto a soddisfare i nuovi fabbisogni in un mercato sempre più digitale – commenta l’amministratore delegato Federico Sargenti – Con Supermercato24 i consumatori italiani possono infatti avere l’assortimento e la qualità dell’insegna di fiducia combinati con la consegna a casa in giornata anche in un’ora. Con questo aumento di capitale potremo continuare a crescere e migliorare ulteriormente la qualità del servizio”.

Leggi anche: