07apr

Start-up: l’ex “lady Uber” lancia Oval Money, il salvadanaio digitale

Oval Money, il primo salvadanaio digitale, creato intorno ad una community ed arricchito dall’intelligenza del machine learning, oggi apre anche in Italia.

 

Oval Money è stata creata per permettere a tutti di accumulare del capitale in poco tempo, e in modo automatico. Con la sua tecnologia, Oval Money traccia ogni transazione effettuata tramite conto e carta, senza bisogno di inserirle manualmente, e fornisce un resoconto chiaro e personalizzato delle abitudini di spesa. Con una consapevolezza maggiore delle proprie finanze gli utenti possono accumulare dei risparmi che vengono spostati tramite Oval Money in un salvadanaio digitale garantito e personale.

 

Gli utenti di Oval Money risparmiano grazie agli “Steps”, ovvero impostazioni che in automatico calcolano piccoli importi da accumulare dopo ogni spesa, come l’arrotondamento all’euro più vicino. Ad esempio, quando  si spende €7,40 per il pranzo, i rimanenti 60 centesimi vengono accantonati. Sono pochi spiccioli ma nel tempo possono diventare una somma importante.

 

Oval Money è nata da un progetto dei due co-founder di Starteed.com Claudio Bedino e Edoardo Benedetto che, dopo oltre quattro anni di collaborazione con le principali piattaforme di crowdfunding Italiane si sono accorti che queste soluzioni di investimento aperte a tutti erano spesso caratterizzate da una partecipazione occasionale, senza creare una vera e propria abitudine di investimento, spesso ostacolate da una regolamentazione vecchia e inadeguata.

 

Da lì, nasce l’idea di aiutare le persone, e in particolare i più giovani che non si sentono rappresentati dai servizi bancari, ad accumulare e investire in modo semplice e continuo, Confrontandosi con Benedetta Arese Lucini, l’ex capo di Uber Italia, con cui avevano portato avanti il movimento italiano a favore della sharing economy, hanno capito che anche in questo progetto potevano essere inseriti elementi fondamentali alla base dell’economia collaborativa, come lo scambio e la fiducia. Arese Lucini è oggi ceo dell’azienda, che ha appena concluso un finanziamento di €1.2 milioni a fine 2016, con il Gruppo Intesa SanPaolo, b-ventures, il corporate venture capital di Docomo Digital, fondato da Mauro del Rio e Gruppo Bertoldi, holding trentina nata dalla GDO che oggi opera trasversalmente anche come Venture Capital di cui Giacomo Bertoldi è Amministratore Delegato.

 

“Sul Trust Barometer Index, che analizza il livello di fiducia in molteplici settori, il settore finanziario risulta quello con un grado di fiducia minore. D’altro canto oltre il 75% delle persone intervistate hanno evidenziato che si affidano all’influenza positiva della propria community, prima di prendere una decisione. Per questo motivo Oval Money unisce le tecnologie più complesse del machine learning alle raccomandazioni della community di utenti che fanno parte dell’app per portare un nuovo tipo di intelligenza collettiva all’interno del settore finanziario” dice Benedetta Arese Lucini.

 
In un paese come l’Italia che si ritrova all’ultimo posto in Europa per l’educazione finanziaria con solo il 37%  che comprende i prodotti finanziari con sufficienza, l’app Oval Money vuole servire come strumento educativo per la gestione finanziaria alla portata di tutti.

 

Gli utenti utilizzando Oval Money potranno prendere decisioni finanziarie anche sofisticate più facilmente, sempre supportati dalla tecnologia e dalla community di Ovalers, che condividono le loro esperienze e gii “steps” migliori per riuscire ad accumulare capitale serenamente. gli utenti nella beta privata di Oval Money, negli ultimi tre mesi hanno accumulato in media €400, ovvero più o meno €135 al mese. I risultati dell’ultimo periodo dimostrano l’effetto positivo della community, che incoraggia l’apprendimento migliorando i risparmi, a una media settimanale di €49.

Leggi anche: