13feb

Start-up: parte Android Factory, il programma per il made in Italy

Il primo febbraio è partito il programma per startup “Android Factory 4.0”, lanciato a ottobre da LVenture Group e gestito dall’acceleratore di startup LUISS ENLABS. L’iniziativa è dedicata a creare nuove soluzioni imprenditoriali made in Italy tramite l’utilizzo di Android.

 

Dopo un roadshow di 5 eventi a Reggio Emilia, Bergamo, Bari, Pisa e Genova, con un’affluenza di oltre 300 partecipanti e circa 100 pitch, hanno risposto alla call per partecipare al programma oltre 200 candidati, tra start-up con progetti ancora nelle prime fasi di vita e talenti individuali.

 

Il percorso, iniziato l’1febbraio 2017, si svolge nella cornice dell’acceleratore di startup LUISS ENLABS, nato da una joint venture tra LVenture Group e l’Università LUISS e prevede workshop tenuti dagli esperti di LVenture Group, LUISS ENLABS e Google. Terminerà l’11 aprile 2017 con un evento conclusivo in cui le startup presenteranno i loro progetti.

 

A fronte di un’attenta selezione, sono state selezionate per partecipare al programma 10 start-up che riceveranno un grant da €2.500. Vista la qualità delle candidature ricevute, sono stati ammessi al percoro altri 30 partecipanti circa, per un totale di oltre 50 persone. Le startup entrate nel programma sono: Beeing, BiTrack, BXTAR, InTimePhoto, NeeOT, Odroid, Pako, PoWaHome, Revotree, Serially.

 

 

“Abbiamo ricevuto centinaia di candidature per Android Factory 4.0 e le startup che abbiamo selezionato sono davvero valide e promettenti, sia a livello di idee che di team.” – ha detto Augusto Coppola, Direttore del programma di accelerazione di LUISS ENLABS – “Il programma è iniziato con grande entusiasmo e i partecipanti, entrando negli spazi del nostro acceleratore, hanno già potuto incontrare le realtà che ne fanno parte e fare un passo in più nel mondo dell’innovazione”.

 

“Le 10 idee selezionate mostrano chiaramente come Android – con il suo ecosistema aperto e flessibile – possa essere un alleato straordinario per la trasformazione digitale dell’impresa italiana. Dall’agricoltura all’automazione industriale, dall’Internet of things alla domotica, Adroid Factory 4.0 rappresenta un bello spaccato di come l’Italia potrebbe costruire il suo successo nell’industry 4.0”. – ha detto Diego Ciulli, Public Policy Manager di Google in Italia.

Leggi anche: