08mag

Startup Weekend, a Lecce 60 partecipanti per 3 vincitori

Grande successo per il primo Startup Weekend a Lecce. Si è tenuto presso le Officine Cantelmo dal 2 al 4 maggio con la partecipazione di 60 partecipanti.

 

Il programma come di consueto per questo tipo di eventi è iniziato il venerdì pomeriggio, quando i partecipanti sono arrivati a esporre il “pitch”, ovvero presentano l’idea di business che vorrebbero realizzare in soli 60 secondi, cercando di appassionare i presenti ed ispirarli a far parte della propria squadra di sviluppo. “La sera stessa sono sorte 20 idee e tra queste ne sono state selezionate 10, corrispondenti a 10 gruppi di lavoro che hanno cominciato a elaborare un primo abbozzo di business model” – dice a L’Arancia Salvatore Modeo, organizzatore dello startup weekend e fondatore di The Qube, incubatore dal basso dell’Università del Salento.

 

Il sabato i gruppi hanno continuato a lavorare e sono intervenuti alcuni dei coach presenti, tra cui Giancarlo Valente, programmatore, e Luca Filighetto, manager Blackberry.

 

Domenica la presentazione vera e propria, prima ai mentor e poi al pubblico. Dalle 17 spazio agli speaker, tra cui Working Capital, Mind The Bridge e anche noi de L’Arancia, con  il notaio Andrea Tavassi, che ha parlato di start-up e ha presentato il nostro progetto.

 

Ma poi ancora largo spazio ai giovani: dei dieci gruppi iniziali i vincitori sono stati proclamati in tre.

 

Primo classificato, Hubout, una specie di social tv per avere informazioni su alcuni dettagli dei film.

 

Al secondo posto, Flokkit, un sistema che si propone di facilitare le decisioni sull’acquisto di coupon per poi dividere direttamente la spesa tra amici. Terzo classificato, Torte à Porter, una piattaforma per gli amanti dei dolci con intolleranze alimentari.

 

In definitiva, un successo questo primo Startup Weekend leccese, conclude Salvatore Modeo, secondo cui bisognerebbe investire meno in scuole di impresa e più negli startup weekend, per “il clima che si crea e la possibilità di confrontarsi tra aspiranti startupper”.

 

Leggi anche: