03ott

Tutte le start-up, in Italia (e in Salento)

Le start-up in Italia non sono tantissime, non ancora, ma se continueranno a crescere (e al ritmo attuale) non lo saranno a lungo. A settembre il Registro, costituito per le imprese innovative, ha segnato quota 2655 soggetti. Ad aprile erano 2000, e nel giro di quattro mesi l’incremento è stato del 30%.

 

Alla faccia delle difficoltà del mercato e della mancanza di finanziamento, le idee non mancano.

 

Il numero maggiore lo registra la Lombardia con 578 start-up, lasciando Emilia Romagna (287) e Lazio (243) al secondo e terzo posto. Se dopo aver letto questi dati pensate che il fenomeno dell’impresa innovativa è esclusivo delle economie del centro nord, vi sbagliate.

 

La terra del Salento sarà teatro di tre edizioni del TedxLecce (la prossima è il 25 ottobre), ospiterà la prossima tappa del Next di Repubblica e ci saranno tanti incontri di approfondimento e workshop alle Officine Cantelmo e alle manifatture Knox. Tutto questo dovrebbe farvi capire quanta voglia di cambiare, di innovare e di auto-imprenditorialità ci sia nel Salento che è stato ribattezzato la “Startup Valley” d’Italia.

 

Questo è frutto anche dell’impegno delle istituzioni locali e regionali che costantemente si sono spese per sostenere i giovani che vogliono riuscire a iniziare un’attività utilizzando la propria creatività e spirito d’iniziativa.

 

Testimonianza di questo impegno è “Arianoa”, società cooperativa nata dieci anni fa all’interno dell’istituto statale Galilei-Costa, che ha lo scopo di incoraggiare e sostenere, finanziariamente, attraverso dei processi d’incubazione e accelerazione, le start up di studenti under 18.

 

Le difficoltà sono tante ma c’è la fondata speranza che si sia innescato un nuovo ciclo. Si deve tendere a un futuro imprenditoriale del nostro paese che non veda più due economie, quella del nord e quella del mezzogiorno, che viaggiano a due velocità differenti ma che siano un tutt’uno nel contribuire allo sviluppo economico del paese.

Scritto da Redazione il 3 ottobre 2014

Tags:
Leggi anche: