29set

I 3 milioni di euro per le start-up dell’Emilia Romagna

“Con questo provvedimento intendiamo sostenere concretamente le iniziative imprenditoriali, in particolare proposte da giovani.” Ecco le parole di Luciano Vecchi, assessore alle attività produttive della regione Emilia Romagna, in merito al bando per start-up che mette a disposizione 3 milioni di euro per le nuove imprese innovative.

 

L’obiettivo dichiarato è di supportare l’avvio d’imprese a elevato livello di specializzazione, rivolte verso la ricerca e lo sviluppo di prodotti e servizi di alta tecnologia.

 

L’intervento sostiene gli investimenti che un’attività imprenditoriale si trova ad affrontare nella prima fase della sua vita, dalla nascita al primo investimento volto all’espansione. Il contributo è versato in conto capitale corrispondente al 60% della spesa ritenuta ammissibile.

 

Se poi il progetto che si vuole mettere in atto prevede, alla fine della fase di start-up, l’assunzione a tempo indeterminato di tre lavoratori, è prevista una maggiorazione pari al 10% del contributo stesso. I destinatari del bando sono singole e piccole realtà imprenditoriali, come consorzi, società consortili e cooperative. Ovviamente le imprese cui ci si rivolge devono avere la loro base operativa in Emilia-Romagna.

 

Sì, ma come faccio a richiedere il contributo? E quali sono le scadenze?

 

Le domande vanno presentate esclusivamente online, tramite il form messo a disposizione delle imprese (è importante ricordarsi i documenti obbligatori firmati digitalmente dal legale rappresentate dell’impresa) sul sito della regione.

 

Il primo giorno utile dal quale si può cominciare a fare domanda è il prossimo primo ottobre, tra neanche due giorni, e questo è il link alla pagina.

Scritto da Redazione il 29 settembre 2014

Tags:
Leggi anche:

nessun tag assegnato