01apr

Smart & Start, 136 imprenditori innovativi per 25 milioni di finanziamenti

Avevamo parlato delle possibilità per società e persone fisiche del Mezzogiorno di ottenere fondi per la propria impresa grazie a Smart&Start. Il sito smartstart.invitalia.it è infatti il portale in cui si possono depositare le domande per avere accesso ad agevolazioni, grazie ai 190 milioni di euro stanziati dal Ministero dello Sviluppo Economico.

 

Adesso dopo 5 mesi la misura Smart & Start si può considerare un successo: in cinque mesi sono state infatti finanziate le prime 136 iniziative per circa 24,3 milioni di nuovi investimenti.

 

I dati verranno presentati martedì prossimo a Roma ma intanto emerge che le nuove imprese grazie alla misura Smart & Start attiveranno investimenti per circa 25 milioni di euro, e hanno impegnato oltre il 10% delle agevolazioni rese disponibili dal Mise, 190 milioni di euro a cui si aggiungono i 13 milioni stanziati di recente per i Comuni del Cratere Sismico Aquilano che dal 3 febbraio scorso sono inclusi nelle aree agevolate.

 

Le agevolazioni sono dedicate alle imprese che puntano su innovazione, utilizzo delle tecnologie digitali e calorizzazione dei risultati della ricerca.  

 

Tra le iniziative finanziate spiccano proposte legate alla ricerca oncologica (sviluppo di marcatori tumorali), la realizzazione di piattaforme per il monitoraggio di impianti fotovoltaici, prodotti innovativi come droni per il controllo del territorio, smart glasses (occhiali a realtà aumentata) o tessuti innovativi. E ancora sensori in fibra ottica per il monitoraggio di terreni o costruzioni, applicazioni per smartphone e innovativi strumenti diagnostici per l’individuazione di neoplasie.

 

Il 71% delle iniziative finanziate opera nell’economia digitale, in settori come il cloud computing e l’e-commerce. Il restante 29% è rappresentato da attività che valorizzano i risultati della ricerca o propongono innovazioni di prodotto e processo.

 

A 5 mesi dall’avvio della misura dedicata alla imprese innovative, il bilancio per Invitalia è più che positivo: 807 le domande presentate (più di 300 solo dalla Campania, che si rivela così la regione più dinamica), in grado di attivare un volume di investimenti superiore ai 150 milioni di euro.

 

Circa 1900 gli aspiranti imprenditori coinvolti: il 25% rappresentato da donne e più del 53% con un’età inferiore ai 36 anni. Invitalia, in appena due mesi, ha emesso le prime delibere di ammissione e a inizio anno ha ammesso le prime aziende alle agevolazioni. Altro dato da sottolineare è che oltre l’87% delle iniziative è promosso da società da costituire.

 

Sul sito www.smartstart.invitalia.it, è possibile presentare le domande e i business plan a Invitalia per accedere ai contributi previsti per le imprese innovative di nuova costituzione da avviare in Campania, Calabria, Puglia, Basilicata, Sicilia, Sardegna e nei Comuni del Cratere Sismico Aquilano. Potranno richiedere le agevolazioni anche team di persone fisiche che intendono costituire una società e sono in possesso di una business idea. La costituzione delle nuova società sarà richiesta solo dopo l’approvazione della domanda di ammissione alle agevolazioni.

 

Smart & Start non è un bando di concorso: le domande – da inviare online – vengono esaminate secondo l’ordine cronologico di arrivo. Non è prevista una graduatoria: l’accesso ai fondi non è automatico, conseguente alla valutazione positiva del progetto imprenditoriale proposto.

 

Le risorse disponibili sono ampiamente in grado di soddisfare nuove ed ulteriori richieste.

Per informazioni www.smartstart.invitalia.it

 

Leggi anche: