01dic

Start up nel Lazio, dove innovazione fa rima con venture capital

Venti milioni di euro a disposizione per potenziare la nascita di nuove start up in co-partecipazione con investitori privati attivi attraverso fondi di venture capital. E’ questa l’apprezzabile iniziativa lanciata da Filas, Finanziaria laziale di sviluppo, primo operatore di venture capital attivo proprio nella Regione Lazio. Un progetto di finanziamento messo in campo attraverso una collaborazione strategica con Enlabs, primo acceleratore di impresa italiano.

Il programma di sostegno a tutte le nuove iniziative prevede appunto che l’Enlabs fornisca assistenza di tipo organizzativo e tecnologico a tutti i giovani imprenditori desiderosi di proporre idee innovative, mentre Filas garantirà la copertura finanziaria, in collaborazione, come già citato, con altri operatori di venture capital interessati a supportare economicamente giovani imprenditori.

Un’iniziativa che nasce dunque con i presupposti migliori per fornire reale supporto allo sviluppo di nuovi progetti aziendali. Anche perché al proprio attivo può già vantare la nascita di ben due promettenti start up. La prima è Nextstyler, un brand di moda Made in Italy dotato di una piattaforma online che ospita la presentazione delle collezioni e la vendita dei prodotti stessi. Il secondo caso di successo è invece quello di Interactive Project impresa innovativa che ha lanciato sul mercato della Rete “myGPteam”, il primo browsing game italiano indipendente nel mondo dei giochi manageriali dedicati ai motori. Due esempi lampanti del fatto che, seppur in un periodo di crisi, in Italia continuano ad affermarsi giovani imprenditori capaci di mettere in campo idee quanto mai innovative. Un’affermazione che però può determinarsi solo se dall’altra parte si potrà sempre più spesso contare su iniziative di sostegno gestionale ed economico come quella messa in piedi da Filas ed Enlab. Tra l’altro, sempre grazie alla fattiva collaborazione tra questi due soggetti, proprio in questi ore e fino a domani, si sta svolgendo a Roma il primo Cleanweb Hackathon. Si tratta di una vera e propria maratona tra giovani sviluppatori che dovranno elaborare programmi o applicazioni utili a migliorare la sostenibilità ambientale secondo criteri e standard predefiniti. Un’opportunità tra l’altro, non solo per mettere in circolazione nuove idee, ma anche per portare a casa qualche soldino, visto che ai migliori progetti sarà riconosciuto un premio di 2.000 euro.

Leggi anche: